Cripple Bastards – “Il Grande Silenzio” 7″

fffffffffff

release date:

2000

share:


LINE-UP:
Giulio the Bastard – vocals
Alberto the Crippler – guitar
Schintu the Wretched
Walter Dr. Tomas – drums
Label: Rhetoric Records

TRACKLIST:

  • 1. Morte Da Tossico
  • 2. Il Grande Silenzio
  • 3. Quasi Donna… Femminista
  • 4. Misantropo A Senso Unico
  • 5. Conclusione

The 5 songs here had been basically written for our “Misantropo a senso unico” album, thru the rough versions on this 7″ we wanted to give a sort of preview on the upcoming full-lenght’s style. The whole thing was mainly an experiment, since we chose to record it in Michele’s practice room using the same skills that characterized our early ’90s works (all recorded there). Meanwhile, Michele had turned the place into a semi-proessional studio with a 8 track digital recorder and a ways better equipment. Both guitar and bass went directly into the mixer with no use of amps, just as we did on works like “Life’s built on thoughts” + others. The final result was a mega-raw barrier of filthiness and distortion, with that “what the fuck?” feel peculiar to those early singles. Rhetoric Records was at its last output before quitting and then resurrecting in the scene (2 years later) as “First blood family”. A huge mistake in the printing of the record was the cover jacket: having no idea that Europe has a different system of doing the printinfilms, the films we sent (that were made correctly for the Eu standard) ended with the EP cover printed in negative; here we are including both the correct art and the final result as it came out, so you can understand. Bad luck!

> Released in 2000, RH # 059, 1000 (or more?) copies made, 100 on transparent vinyl.
> 1 lyric-sheet/insert enclosed
> Recorded in spring 1999 at Amber Studios (ex Michele’s practice-room), Asti. Sound engineer: Michele Delemont.

LYRICS:
Morte Da Tossico

NO ALLA SOLUZIONE QUANDO TU SEI IL PROBLEMA
NO ALLA SOLUZIONE QUANDO TU SEI IL PROBLEMA
NO ALLA SOLUZIONE QUANDO TU SEI IL PROBLEMA…
TU SEI IL PROBLEMA… TU SEI IL PROBLEMA……
… per una notte lasciarti pensare
riattaccare la corrente nel tuo cervello andato a male
pulire via il sedativo che hai scelto per poterti alienare
… per una notte offrirti un varco per riflettere
fuori dalla paranoia del tuo ciclo di consumo
aiutarti a fare luce nella fogna in cui sei affondato
per poi lasciarti li a crepare, solo – davanti al tuo errore.
Gli occhi lo sanno,
non hai mai avuto qualcosa di meglio da fare.
Gli occhi lo ammettono,
non hai mai voluto qualcosa di meglio da fare.
La carta vincente di chi sfrutta la mancanza di stimoli,
il trucco di chi svuota dentro per poter eliminare.
Piattola sociale sempre tra i piedi per scroccare
Non ti devo proprio un cazzo, solo l’augurio di schiattare.
Uomo-foglia, ogni giorno sempre più in basso,
sempre in fila per obliterarti la vita
non sai muoverti, non riesci a cambiare
stessa merda all’infinito… le tue vene – la tua clessidra.
TU HAI IL DOPPIO DEL MIO TEMPO
MA NEANCHE UN QUARTO DELLA MIA VITA
TU HAI IL DOPPIO DEL MIO TEMPO
MA NEANCHE UN QUARTO DELLA MIA VITA
TU HAI IL DOPPIO DEL MIO TEMPO
MA NEANCHE UN QUARTO DELLA MIA VITA
…DELLA MIA VITA …DELLA MIA VITA …DELLA MIA VITA…..
…per una notte schiodarti a calci in culo
svegliarti dal letargo a cui ti sei abbandonato
Tu davanti a una finestra, tu davanti a una siringa
adesso a mente fredda, fammi vedere cosa sai fare.

JUNKISH DEATH

NO TO THE SOLUTION WHEN YOU ARE THE PROBLEM
NO TO THE SOLUTION WHEN YOU ARE THE PROBLEM
NO TO THE SOLUTION WHEN YOU ARE THE PROBLEM…
YOU ARE THE PROBLEM… YOU ARE THE PROBLEM……
… letting you think for a night
re-switching the voltage in your gone-bad brain
cleaning away the sedative you chose for getting alienated.
… (for a night) offering you a breach for reflection,
out of the paranoia of your consumer’s cycle
helping you in throwing light on the gutter in which you’re sunk
and then leaving you there to die, alone – in front of your mistake.
The eyes know it,
you never had anything better to do.
The eyes admit it,
you never wanted anything better to do.
The winning card of those who play on lack of goads,
the trick of those who empty you inside for being able to eliminate.
Social crab always underfoot to scrounge
I don’t owe you a fucking shit, only the wish you burst.
Man-leaf, every day sinking lower and lower,
always in line to obliterate your life
you can’t move, you don’t manage to change
same shit endlessly… your veins – your sandglass.
YOU HAVE DOUBLE OF MY TIME
BUT NOT EVEN A QUARTER OF MY LIFE
YOU HAVE DOUBLE OF MY TIME
BUT NOT EVEN A QUARTER OF MY LIFE
YOU HAVE DOUBLE OF MY TIME
BUT NOT EVEN A QUARTER OF MY LIFE
…OF MY LIFE …OF MY LIFE …OF MY LIFE…….
… (for a night) unnailing you by kicks in the ass
rousing you from the lethargy on which you’re given up
You before a window, You before a fix
Now, clear-headedly, show me what you’re able to do.

Il grande silenzio

Quei giorni… non credevo mai che saremmo arrivati a questo
1998… noi, corpi sfatti e assuefatti per la mediocrità.
Popolazione cancerogena,
non so se guarderete indietro anche voi……………
IL GRANDE SILENZIO
che avvolge le mie mani, e domina i miei occhi
oscurando ciò che penso.
IL CICLO DEL DISSENSO
perseguita la mia pace, fomenta il mio disprezzo
per poi implorar vendetta.
..e intanto la stanza é piccola e la gente sta aumentando
ogni gesto, ogni abitudine ormai é fastidio che va in crescendo
non mi sento così egoista nel rivendicare l’aria che stai infettando
l’equilibrio che hai distrutto apparteneva anche a me!
IL GRANDE SILENZIO
un mitra nelle mani, un progetto nella mente,
l’urgenza di farmi spazio.
NERVOSO COME IL VENTO
espando il gusto del nero, condanno ogni parola
mi butto nel massacro.
Tua moglie in giro gonfia per un altro colpo andato a centro
È sfoggio di virilità e la tua stirpe sta incalzando
Ho bruciato anni su anni a detestarti, coetaneo spento
E i surrogati che oggi educhi chissà che merde diventeranno…

THE GREAT SILENCE

Those days… I could never believe that we would’ve arrived to this
1998… we – bodies outworn and addicted in the name of mediocrity.
Cancerous population,
don’t know if you too will take a look back……………
THE GREAT SILENCE
that binds my hands, and dominates my eyes
darkening what I think.
THE CYCLE OF DISSENT
persecutes my peace, provokes my contempt
and then begs for my revenge.
..meanwhile the room is small and people are increasing
every gesture, every habit by now is annoyance getting louder
I don’t feel to be such an egoist claiming the air you’re infecting
The equilibrium you destroyed was also mine!
THE GREAT SILENCE
a machine-gun in the hands, a plan in the head,
the urge to make place.
NERVOUS LIKE THE WIND
I expand the taste of black, condemn every word
throw myself in the massacre.
Your wife hangin’ around pregnant ? another blow hitting the mark
it’s parade of virility and your stock gets closing in
I burnt years on years detesting you – lifeless contemporary
and those substitutes you educate today
who knows what kind of assholes will become…

Quasi donna... femminista

É sesso represso il movente della tua lotta
Un frutto maturato-esposto-marcito
orgoglio sbandierato su macerie di slogan
isolato nel tuo ghetto di autocommiserazione
Solo più ipocrisia la tua ideologia
Uguaglianza sconfinata in supremazia
tu non vuoi confronto, ma netta separazione
e l’uomo-carnefice non ti prende in considerazione
GUARDA COSA FAI
DIMMI PERCHÉ LO FAI
OGGI DOVE STAI?
COSA TI PRECLUDERAI?
FEMMINISTA DI MERDA!!

ALMOST WOMAN… FEMINIST

Repressed sex is the prime motive of your struggle
a fruit ripened-displayed-rotted
pride flaunted on rubble of slogans
isolated to your ghetto of self-commiseration
Only hypocrisy = what’s left of your ideology
equality trespassed in supremacy
you don’t want comparison, just radical separation
and that man/executioner** doesn’t give a damn about you
LOOK AT WHAT YOU’RE DOING
TELL ME WHY ARE YOU DOING IT
WHOSE SIDE ARE YOU ON TODAY?
FROM WHAT ARE YOU GOIN’ TO PREVENT YOURSELF?
YOU FEMINIST SHIT!!

** = man-executioner seen as cunt-thirsty macho,
the typical object of so called “liberated women” ‘s hatred.

Misantropo a senso unico

Porte in faccia 7 giorni alla settimana,
andare avanti con niente in mano
sapendo di esser soli nel mirino di tutti,
un giorno volevo bene almeno a me stesso,
ma la mia vita é diventata un cesso.
QUESTA È UNA STRADA A SENSO UNICO
Davanti – la forza di consumarmi oltre ogni limite,
anfetamina per massacrarvi di odio,
dietro – la società del compromesso,
programmata fino all’ultimo pezzo di vomito.
QUESTA È UNA STRADA A SENSO UNICO
Un numero, una divisa, un qualsiasi lavoro di merda
a voi va bene quello perché siete solo quello.
Uomini… vermi… non vedo differenza…
o come in quei vecchi libri di fantascienza:
due braccia, due gambe, un televisore conficcato al posto della testa.
PA-TE-TI-CI
Porte in faccia 7 giorni alla settimana,
andare avanti con niente in mano
sapendo di esser soli nel mirino di tutti,
un giorno volevo bene almeno a me stesso,
ma la mia vita é diventata un cesso.
Davanti – la forza di consumarmi oltre ogni limite,
anfetamina per massacrarvi di odio,
dietro – la società del compromesso,
programmata fino all’ultimo pezzo di vomito.
QUESTA È UNA STRADA A SENSO UNICO
QUESTA É UNA STRADA A SENSO UNICO,
LA GENTE MI FA SCHIFO
LASCIO TUTTI ALLE SPALLE, TIRO DRITTO FINO ALL’ULTIMO.

ONE-WAY MISANTHROPE

Doors slammed in face 7 days a week,
goin’ on empty-handed
aware of being alone in everyone’s sights,
once I used to love at least myself,
but my life has become disgust.
THIS IS A ONE-WAY STREET
In front – the strength to be consumed beyond all limits,
amphetamine to massacre you with hatred,
behind – the society of compromise,
scheduled to the last bit of vomit.
THIS IS A ONE-WAY STREET
A number, a uniform, any shitty job
that’s just right for you because you’re just that.
Men… worms… I can’t see any difference…
or just like in those old sci-fi books:
2 arms, 2 legs, a TV replacing the head.
PATHETIC
Doors slammed in face 7 days a week,
goin’ on empty-handed
aware of being alone in everyone’s sights,
once I used to love at least myself,
but my life has become disgust.
In front – the strength to be consumed beyond all limits,
amphetamine to massacre you with hatred,
behind – the society of compromise,
scheduled to the last bit of vomit.
THIS IS A ONE-WAY STREET
THIS IS A ONE-WAY STREET,
PEOPLE MAKE ME SICK
I LEAVE THEM ALL BEHIND, STRAIGHT AHEAD TO THE LAST.

Conclusione

… E TUTTO IL TUO LAVORO FINIRÀ NEL NULLA!
Rabbia e senso di ossessione
scoglio angusto, esasperazione
penso e cresce, dormo e muore
fango sparso sul loro amore
Aule sature di inquisizione
digrigna ossa nella tensione
penso e cresce, urlo e muore
sono l’ombra che dilata il tuo terrore
É DA ANNI CHE NON CI SEI
GIOCHI USATI – RIPETI E FAI
RASSEGNATO AL “TI ABITUERAI”
Corpi si sbattono ingordi di attenzione
nel mio nome la loro conclusione
penso e cresce, esco e muore
una morsa secca che scortica il cuore.
Peggio che vivere, tu vuoi transitare
chi mi osserva lo dovrà scontare.
CONCLUSIONE – – – – – – – – – – – – – – – – – –
CONCLUSO – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

P.S.:
Peggio che vivere, tu vuoi transitare:
mi fa schifo la gente che guarda, tace, seleziona da dentro,
conserva riflessioni per imminenti dibattiti
con una cerchia chiusa di prescelti…
..tutti surrogati da torturare e eliminare.
Il mio nome é la tua conclusione:
siamo su frequenze diverse,
il riflesso dei miei occhi su un bancone di metallo,
la disposizione degli strumenti da taglio,
ogni gesto intriso di morte, i dettagli del tuo tormento,
dalle grida più lancinanti ai più flebili sospiri.
Rivoli di sangue e secrezione si incanalano nel bordo concavo,
penso alla rivincita della creatività in un’epoca dormitorio
adagiata sulle abitudini e sulla tendenza alla rassegnazione…
Non ho coscienza, non do più importanza ai valori
su cui é fondato questo aggregato di passività e oblio,
me ne fotto dei tuoi diritti di essere-cosmopolìta,
voglio stare dalla parte del ragno che attende intrepido le sue vittime,
assaporare il gusto della paura più cieca
– pupille esplodono dall’esasperazione
– cellule impazziscono per lo sbalzo di situazione
vederti tremare, rantolare, soccombere.
Dentro a ogni boia c’é un frammento di me:
(…) costruisco nella mente i gironi del mio inferno privato…
.. tutti quelli che ci finirebbero dentro, la camera di smistamento,
il clima di angoscia e degrado in cui sarebbe immerso.
IO, carnefice multiforme, sovrano di ogni supplizio,
ideatore delle nefandezze più estreme (…)

CONCLUSION

… AND ALL YOUR WORK WILL END IN NOTHINGNESS!
Rage and sense of obsession
narrow rock , exasperation
I think and it grows , I sleep and it dies
mud spilled on their love
Rooms saturated with inquisition
as you gnash your bones in tension
I think and it grows , I scream and it dies
I’m the shadow in which your terror grows
IT’S YEARS SINCE YOU’VE BEEN HERE
USED TOYS – REPEAT AND DO
RESIGNED TO “YOU’LL GET INTO THE HABIT”
Bodies strain themselves in search of attention
in my name their conclusion
I think and it grows , I go out and it dies
a sharp grip skinning the heart
worse than living – you want to pass by
those who observe me will have to expiate it
CONCLUSION – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –
CONCLUDED – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –